Tutti i modelli di business cambiano ad intervalli ricorrenti e fare business nell’Information Technology non fa eccezione.

Tutti i modelli di business cambiano ad intervalli ricorrenti e fare business nell’Information Technology non fa eccezione.

Quanti anni ha l’informatica? Quante cose sono cambiate da quando negli anni ’80 abbiamo cominciato a muovere i primi passi? E come ci muovevamo all’epoca degli albori di questo mercato?

Possiamo identificare almeno tre fasi del mercato IT dalle sue origini ad oggi e anticipando il futuro. Questa serie di articoli accompagneranno chi intenda fare business con Solarwinds e metteranno a disposizione guide pratiche sul come costruire ricavi ricorrenti con CIPS e Solarwinds. Il modello di business che verrà proposto sarà innovativo e richiederà di comprendere le sue differenze rispetto agli altri del passato e del presente.

La prima fase dell’Information Technology: la scoperta
Quando l’informatica fece la sua comparsa tra la fine degli anni ’80 e i primi anni ’90 in molte aziende, tutto era da scoprire e il ruolo del partner IT era quello di permettere questa scoperta al più alto numero di clienti possibile. Era un’epoca di guadagni ed era sufficiente tenersi aggiornati rispetto ai prodotti per far crescere il proprio business. Alcuni hanno costruito aziende ancora oggi molto grandi. Ma la voglia dei clienti di scoprire il nuovo mondo dell’informatica era tale che molti o tutti potevano beneficiare di un vasto mercato.

La seconda fase dell’Information Technology: i bisogni del cliente
L’epoca in cui la fase della scoperta tese ad evolversi e nella quale in parte ci troviamo ancora ora ha avuto il suo focus nei bisogni del cliente, secondo i dettami delle scuole di vendita. “Dimmi di cosa hai bisogno e vedrai che con le mie competenze te lo costruirò”. Questo pare essere ancora il modello progettuale più diffuso per i colleghi partner del mondo IT. Un modello di successo che può essere affiancato da qualcosa di ancora più efficace.

La terza fase dell’Information Technology: l’offerta dedicata e gestita
Oggi infatti tendono a fiorire modelli basati su offerte gestite dal partner e dedicate ad un gruppo specifico di clienti, che abbiano espresso un bisogno oppure no. Oggi appaiono modelli di offerta basati su caratteristiche di prodotto e servizio che vengono proposti a canone, a forfait e in qualche caso con un approccio “tutto incluso”, dove senza fare investimenti e per qualche euro al mese si accede ad un prodotto/servizio che si evolve continuamente e che possiamo mantenere in uso fino a che paghiamo. E’ il modello di Office365, naturalmente, ma non solo…

Cosa ha di magico questo modello e perché è così efficace? Lo vediamo nel prossimo articolo, Profitti No Limits!

 

Leggi anche:

 I nuovi modelli di business nel Cloud

 Ma come vendi?