LANCOM SYSTEMS: GDPR FAQ

I prodotti LANCOM soddisfano tutti i requisiti necessari per il loro funzionamento legale. Ciò vale per tutti gli aspetti relativi alla sicurezza e alla protezione dei dati. Poiché la nuova normativa sulla protezione dei dati si applica ai processi, non ai prodotti, non possiamo fornirti una dichiarazione di conformità espressiva.

Non ci sono modifiche rilevanti con l'entrata in vigore del GDPR: il funzionamento di un hotspot WLAN e soprattutto la domanda su quali dati degli utenti verranno raccolti è stato più volte oggetto di controversie legali negli ultimi anni. Il punto in questione era ed è tuttora il peso del desiderio di un accesso semplice e rapido dell'utente da un lato, e gli interessi dello stato nel registrare l'utilizzo al fine di prevenire attività potenzialmente illegali dall'altro. In questo numero, il Telemedia Act e il Telecommunication Act sono la prima priorità, non il GDPR.

LANCOM lavora con un provider cloud che gestisce la propria infrastruttura esclusivamente in Germania. Ciò garantisce che i requisiti tecnici e amministrativi, che le nuove normative richiedono anche a tutela degli utenti LMC, possano essere pienamente soddisfatti. I provider che ospitano le loro soluzioni su server al di fuori dei paesi europei, ad esempio gli Stati Uniti, non possono garantire questo livello di protezione. Anche se tali fornitori devono aderire alle disposizioni del GDPR quando offrono i loro servizi in Europa (principio della localizzazione del mercato), gli utenti non possono presumere che i loro diritti in merito alla protezione dei loro dati possano essere fatti valere in stati terzi, ad esempio se le autorità di questo stato può accedere ai dati del provider cloud.

No, qui non vediamo alcuna implicazione: la funzione del filtro web esterno è integrata nelle impostazioni di base selezionate come funzione opzionale nel router. Il cliente può adattare il filtro alle sue esigenze individuali. Queste impostazioni bloccano i siti Web/contenuti rispettivamente definiti. In questo caso si tratta infatti del blocco di determinati contenuti e non della protezione di determinati dati personali.

Le impostazioni di base dell'hardware LANCOM prevedono la memorizzazione dei dati (ad es. indirizzi IP, volume di dati). Ciò si basa su motivi tecnici e, secondo la nostra valutazione, è conforme alla disposizione di un design tecnologico rispettoso dei dati, come previsto dall'art. 25 GDPR.

Le impostazioni di base dell'hardware LANCOM prevedono la memorizzazione dei dati (ad es. indirizzi IP, volume di dati). In parte, il client può modificare queste impostazioni. Inoltre, la conservazione non è indefinita ei dati possono essere cancellati in qualsiasi momento. Pertanto, l'hardware LANCOM consente un funzionamento che aderisce pienamente al GDPR.

  • Dipende dal modello utente selezionato. Se un provider ordina a una system house di amministrare la propria infrastruttura di rete sulla versione pubblica di LANCOM Management Cloud, ciò costituisce un contratto di elaborazione dati di terze parti tra la system house e LANCOM. Il motivo è che la system house non elabora i dati da sola, ma LANCOM lo fa nell'ambito dei suoi obblighi contrattuali. A tal fine viene concluso con la System House un contratto relativo al trattamento dei dati.
  • Uno scenario diverso viene fornito quando la casa di sistema o il provider stesso ospita la propria soluzione LANCOM Management Cloud privata (Self-hosting). In questo caso non si applica quanto sopra.

Compila il form per richiedere informazioni su LANCOM SYSTEMS

Share on facebook
Condividi
Share on twitter
Tweet
Share on linkedin
LinkedIn
Torna in cima