L’App di Netalia contro il virus

Si chiama #BackOnTrack ed è l’app sviluppata da NETALIA insieme al system integrator Italtel in risposta all’iniziativa lanciata congiuntamente dai ministeri dell’Innovazione Tecnologica e la digitalizzazione, dello Sviluppo Economico, dell’Università e Ricerca e,infine, da Invitalia.

In tempi rapidissimi, è stata sviluppata un’app che, nel rispetto della normativa sulla privacy, consente “di risalire nella maniera più semplice possibile alla lista dei contatti che ha avuto, nei giorni precedenti, una persona che si dovesse rivelare positiva incrociando dati di posizione che vengono rilevati attraverso strumenti uso quotidiano come smartphone e tablet” come dichiarato da Federico Descalzo (resp. Sviluppo Alleanze e Mercato di Netalia).

Come funziona?

Il tracciamento è totalmente anonimo finché una persona non risulta positiva al coronavirus. Il riconoscimento è biometrico, tenendo conto di iride o volto, in modo da identificare con certezza la persona che viene tracciata.

Una scelta vincente

#BackOnTrack è un’app  in grado di lavorare in autonomia, non prevedendo l’utilizzo di dispositivi esterni (come bracciali elettronici o simili) e conseguentemente abbattendo i costi e le difficoltà che potrebbero derivare dal reperimento e dalle redistribuzione di tali oggetti in questo momento.

L’uso esclusivo da parte delle autorità, con accesso controllato tramite Cloud certificato AgID, garantisce un rilevamento soltanto ex post in caso di positività al virus da parte di un individuo (per il quale sarà possibile risalire a diversi gradi di dettaglio (ultime Nazioni, Regioni, Comuni, quartieri visitati, etc…).

La soluzione tecnica

Com’è tracciato lo spostamento dei singoli individui?

  • in modalità anonima per i soggetti asintomatici liberamente circolanti (serve ad informare rispetto all’esposizione al COVID-19 in seguito a contatto con soggetto poi rivelatosi positivo, determinato secondo la distanza (2-5 metri) e durata dell’esposizione (15 minuti)
  • in modalità non anonima per i soggetti risultati positivi al COVID-19 in seguito a test e conseguentemente sottoposti a misure di isolamento. Questo per fornire l’assistenza del caso. L’applicazione, quindi, non prevede di trattare dati personali, a meno che non dovesse manifestarsi la positività al COVID-19. 

Piani di lancio:

  • 1 settimana per la versione pilota
  • 2 settimane per la versione con le funzionalità essenziali
  • 3 settimane per la versione con funzionalità avanzate
Share on facebook
Condividi
Share on twitter
Tweet
Share on linkedin
LinkedIn
Torna in cima