Il 31 marzo 2022 si è tenuto il World Backup Day, durante il quale sono state condivise le regole d’oro per la protezione dei dati: antivirus, backup e autenticazione a più fattori. Nel 2022 oramai, gli attacchi informatici sono sempre più frequenti, soprattutto quelli che utilizzano i Ransomware, e con una pandemia ancora in corso c’è bisogno di riflettere in maniera approfondita sulla protezione dei propri dati, soprattutto dal momento che lo smart working è oramai una realtà consolidata. 

La giornata del Backup, arrivata il 31 marzo 2022 alla sua undicesima edizione, ha ricordato la necessità di avere un piano di ripristino dei dati all’interno della propria azienda, nel caso in cui quest’ultima venga attaccata dall’hacker di turno o subisca degli errori dovuti ad eventi naturali. Mai come oggi è stato importante capire la necessità di essere preparati sul Backup dei dati, tanto che N-able ha deciso di condividere dei consigli per diventare veri e propri Backup Nerd. 

Come evitare la perdita dei 
dati

Eseguire un Backup non significa solamente una buona protezione dei dati digitali, ma significa avere un piano di riserva per ridurre l’impatto di perdite aziendali e disporre di ridondanza, per una  maggiore sicurezza e tranquillità all’interno della propria azienda. 

Disporre di ridondanza è un po’ come quando ogni giorno usciamo con la carta di debito anche se possiamo pagare tramite il nostro cellulare, significa avere un piano di riserva perché il digitale può essere cancellato da un momento all’altro. In altre parole, abbiamo quotidianamente un piano di backup in caso di attacco. Molti reseller, a volte, si trovano in difficoltà nel vendere ai clienti soluzioni di Backup, soprattutto se questi vedono solo una spesa economica e non hanno ancora riscontrato una perdita di dati. E’ a questi clienti che risulta  necessario far comprendere il pericolo reale a cui vanno incontro, anche se in precedenza non sono mai stati attaccati; perché anche se il Backup non è un procedimento velocissimo, è sicuramente fondamentale in quanto aiuta a ridurre o riparare i danni a lungo termine causati da una perdita. Ovviamente non si deve confondere l’essere un nerd del Backup con il diventare un accumulatore di dati, anche perché non si possono mantenere tutti i dati per sempre. Al contrario ciò che si deve fare è valutare il valore di ripristino dei Backup, bilanciando la conservazione a breve termine e l’archiviazione a lungo termine. Inoltre, è necessario ritirare regolarmente alcuni Backup quando vengono create copie più recenti e ridondanti o quando il valore di ripristino di un sistema inizia a diminuire. Per concludere, si deve però dire che il solo Backup chiaramente non garantisce la protezione dalle perdite, ma si devono testare i propri piani di ripristino per essere sicuri che i propri dati siano sempre recuperati . 

Scopri N-able Backup

Compila il form per avere maggiori informazioni su N-able Backup

Articolo originale: Becoming a Backup Nerd – da N-able blog – autore Eric Harless – Head Backup Nerd at N-able

Traduzione e riadattamento da parte di CIPS Informatica - N-ABLE authorised distributor

© 2021 N‑able Solutions ULC and N‑able Technologies Ltd. All rights reserved.

This document is provided for informational purposes only and should not be relied upon as legal advice. N‑able makes no warranty, express or implied, or assumes any legal liability or responsibility for the accuracy, completeness, or usefulness of any information contained herein.

The N-ABLE, N-CENTRAL, and other N‑able trademarks and logos are the exclusive property of N‑able Solutions ULC and N‑able Technologies Ltd. and may be common law marks, are registered, or are pending registration with the U.S. Patent and Trademark Office and with other countries. All other trademarks mentioned herein are used for identification purposes only and are trademarks (and may be registered trademarks) of their respective companies.

Torna in cima